Facebook Instagram Pinterest

magazine

A CAPO NORD IN MOTOSLITTA | Nel punto più a nord del mondo


Durante l’estate, raggiungere Capo Nord, il punto settentrionale più estremo della Terra, è impresa lunga ma abbastanza piacevole e facile, soprattutto in sella a una bella moto touring. D’inverno, invece, ghiaccio e neve la fanno da padrone, costringendo i più a rinunciare al viaggio, aspettando un clima più favorevole. Noi invece ci siamo fatti coraggio, e con la nostra attrezzatura per il gelo, giaccone/pantalone, abbigliamento tecnico e scarponi Trezeta Falcon, abbiamo deciso di raggiungere Capo Nord in motoslitta, passando attraverso permafrost e foresta lappone. Le nostre calzature sono di fondamentale importanza, perché grazie all’isolamento termico superiore, alla suola Trezeta Canadian, studiata proprio per aderire sulla neve, e alla fodera in T-Wool che mantiene il piede caldo e asciutto, ci consentono di concentrare la nostra attenzione sul paesaggio di rara bellezza che abbiamo di fronte.

Dal villaggio di Honningsvåg, l’ultimo abitato nell’Europa continentale, partiamo alla ricerca dell’osservatorio di Capo Nord, con le motoslitte; il viaggio è probante per il fisico e per la mente, viste le temperature proibitive e la desolazione del paesaggio sterminato che attraversiamo, ma la vista del Capo Nord, con le luci e i colori dell’inverno ripaga della fatica e del freddo; con un po’ di fortuna, riusciremo anche a rimanere incantati e immortalare la suggestione dell’aurora boreale.

photos and videos