Facebook Instagram Pinterest

magazine

LA VIA DELLA SETA | Sulle orme dei mercanti dell’antichità


Durante l’antichità, la seta era considerato un materiale assai prezioso, perché oltre a rappresentare la soluzione ideale per confezionare tuniche di alta qualità, era un simbolo di agiatezza e di prosperità. Il monopolio della produzione e del commercio della seta era però esclusiva della Cina, perciò per accaparrarsi questo filato era necessario, dall’Europa, incamminarsi lungo un viaggio di quasi ottomila chilometri, da ovest a est, per raggiungere le provincie cinesi dove veniva prodotto il tessuto. Anche una volta imparata la tecnica per l’allevamento del baco da seta, il mercante europeo continuò a spingersi verso l’oriente, alla ricerca di nuovi beni da commerciare o semplicemente, come nel caso di Marco Polo, spinti dalla sete di conoscenza.

Sono vari i percorsi che possono essere intrapresi, tuttavia alcune mete intermedie sono fondamentali, come Istanbul, poi la città di Samarcanda in Uzbekistan e il punto d’arrivo a Xi’an, in Cina. Un percorso variegato, ostile, che si snoda tra l’Asia minore, tra i fiumi mesopotamici, per attraversare il Pamir, gli stati sul mar Caspio per giungere poi nelle pianure steppose della Mongolia e infine in Cina. Condizioni sicuramente proibitive per scegliere di effettuare il viaggio in un solo periodo di tempo, soprattutto per il tempo e per le problematiche dell’attrezzatura da scegliere.

Sicuramente una scarpa leggera ma ben strutturata, pensata per le viaggiatrici più esigenti, deve far parte dell’equipaggiamento: la Trezeta Indigo W’s WP, che grazie alla forma studiata per seguire l’anatomia del piede e alla costruzione con materiali di qualità, assicura un comfort duraturo anche in condizioni estreme e di utilizzo intenso. La tomaia è realizzata in pelle scamosciata resistente e morbida, con inserti in tessuto sintetico per migliorare la traspirazione del piede, che risulta ottimale anche grazie alla fodera Water Stopper, esclusiva di Trezeta, che impedisce agli agenti esterni di penetrare nella scarpa. La zeppa in EVA a doppia densità è ammortizzante e stabile, perfetta per sentieri rocciosi sconnessi e condizioni di misto, mentre il battistrada Vibram® Super Rubber fornisce ottima aderenza e trazione su ogni superficie, anche umida e scivolosa.

Durante l’esplorazione della Via della Seta, possiamo incontrare una quantità di culture e di popoli diversi che sono una rappresentazione dei contrasti della modernità: dalle città ipertecnologiche d’Occidente, ai pastori nomadi dell’Uzbekistan, alle campagne cinesi, immerse tra risaie e strade polverose che conducono verso città densamente popolate e distanti pochi chilometri. Prepararsi anche emotivamente a questo viaggio è dunque fondamentale per apprezzarne totalmente le bellezze e le mille sfaccettature.

photos and videos