Facebook Instagram Pinterest

magazine

SENTIERI URBANI - LE CATACOMBE DI ROMA


Roma, la Città Eterna. La capitale dell’Impero Romano, il centro culturale, politico, commerciale e artistico di una buona parte del mondo antico. Dello splendore di monumenti e delle costruzioni si ha un’ottima visione tra le rovine in superficie. C’è però una Roma nascosta, sconosciuta ai più, che giace sotto la città: si tratta del complesso delle catacombe, i cimiteri creati da ebrei e cristiani per seppellire i defunti, rigorosamente fuori dalle mura della città (così come prescriveva la legge romana). Scavate nel tufo, materiale che costituisce la base di Roma, le catacombe si estendono in una rete di gallerie sotterranee che scorre per oltre 150 chilometri. Le direzioni che esse seguono sono quelle delle maggiori arterie della viabilità romana, le vie consolari, ovvero, per citare solo le più famose, Via Appia (dove si trova la famosa catacomba di San Callisto), Via Ostiense, Via Aurelia e tutte le altre.

La visita a questi infiniti cimiteri dell’antichità consente di apprezzare una volta in più l’ingegno umano e la capacità di adattarsi alle situazioni più sfavorevoli: essendo bisognosi di spazio, gli antichi cristiani ed ebrei dovettero costruire più piani per aumentare la capienza delle gallerie, e in questo furono facilitati dalla relativa friabilità del materiale da scavare, il tufo.

È possibile visitare le catacombe per osservare da vicino le prime forme di arte cristiana, affreschi come la rappresentazione di Gesù con gli apostoli Pietro, Andrea e Giovanni, che si trova nelle catacombe di Santa Tecla, sulla via Ostiense, una delle immagini più antiche (almeno 1700 anni) degli apostoli giunte ai giorni nostri. Oppure la serie di dipinti che raffigurano i primi martiri cristiani nella catacomba di Pretestato, sulla via Appia, che è anche la più antica, con 2300 anni di storia.

Poi da menzionare anche la lunga catacomba di Priscilla, sulla via Salaria, con il cubicolo della Velata, capolavoro che mostra per l’appunto una donna intenta alla recita delle preghiere.

In definitiva, questi percorsi e itinerari di visita alle gallerie artificiali scavate nel cuore di Roma sono un ottimo modo per scoprire un mondo sommerso nell’oscurità e nell’incertezza, e apprezzarne gli sforzi artistici e architettonici.

photos and videos