Facebook Instagram Pinterest

magazine

UNA VERA BRASSERIE BELGA


Il Belgio offre alcune meraviglie che vale la pena visitare: la città di Anversa, affacciata sul mare del Nord, le Fiandre, Bruges e il suo borgo medievale, oltre naturalmente a Liegi e Bruxelles.

Famose sono le brasserie, ovvero le birrerie artigianali belghe, che una volta erano quasi esclusivamente condotte dai monaci, i quali si tramandavano l’arte della cottura gli uni gli altri, utilizzando il prodotto del loro lavoro per sostenere la vita del monastero e le opere caritatevoli ad esso connesse.

Di queste brasserie, ne sono rimaste solamente sei in tutto il Belgio che sono ancora gestite dai monaci, i quali continuano a preparare le varie tipologie di birra con ingredienti semplici, spesso non filtrando né pastorizzando il prodotto, anzi dando libero sfogo all’ispirazione che porta anche alla produzione di formaggi alla birra dalle diverse intensità di gusto e profumo. Un itinerario di 5/6 giorni è sufficiente per visitarle tutte, anche se è necessario l’uso dell’automobile per coprire le distanze che intercorrono tra le varie birrerie/monastero.

Abbiamo quindi optato per un piccolo percorso trekking che ci porta dalla città di Charleroi, alle porte di Bruxelles, al monastero di Chimay, forse uno dei più famosi birrifici belgi. La camminata, dopo aver lasciato il centro cittadino, scorre attraverso i campi e le leggere colline della regione di Hainaut, tra i borghi di Rognée e Walcourt. Nei pressi di Féronval, visitiamo i laghi dorati (Lacs de l’Eau d’Heure) che regalano un’emozione unica. Continuiamo verso sud, e dopo aver passato il paese di Froidchapelle ci addentriamo nei boschi prima di raggiungere, infine, l’abitato di Chimay. Dopo una visita al locale castello, ci dirigiamo con passo deciso verso sud e raggiungiamo l’Abbazia, situata su un piccolo altipiano poco fuori l’abitato di Chimay. È la conclusione del nostro itinerario, con la meritata degustazione delle tipiche birre prodotte dai monaci, dei formaggi e indulgere nella scelta guidata degli abbinamenti birra/formaggio con i piatti del ristorante dell’abbazia. Da non perdere la Chimay Triple, l’autentica birra trappista (il termine “trappiste” significa che la birra viene fermentata sotto il diretto controllo dei monaci, che sono responsabili dell’intero processo produttivo della stessa) dei monaci belgi, una bionda forte, dal gusto piacevolmente speziato ma non dolce, con un profumo di luppolo rotondo e persistente, un capolavoro dell’antica arte birraia.

photos and videos