Facebook Instagram Pinterest

magazine

URBAN TREKS - VIENNA A passo di valzer nei giardini dello Schönbrunn


La bellissima capitale austriaca, Vienna, adagiata sulle sponde del Danubio blu di straussiana memoria, è ricca di giardini e di percorsi urbani che meritano un’attenzione particolare da parte del visitatore. Non potendo descriverli tutti nel dettaglio, abbiamo deciso di soffermarci su un itinerario unico, leggermente fuori dalla città ma dalla bellezza abbacinante: i giardini dello Schönbrunn, la meravigliosa residenza imperiale degli Asburgo, che spesso viene confrontata e non a caso, per grandezza e sfarzo, con Versailles. Fu proprio per contendere il primato della bellezza con la reggia francese che Leopoldo I fece edificare questo palazzo, che pur non avvicinandosi alle dimensioni immense del complesso francese è comunque un orgoglio per l’Austria.

Scendiamo quindi dalla fermata della metropolitana U4 denominata proprio Schönbrunn e ci troviamo di fronte al punto di partenza della nostra camminata nei giardini, l’Orangerie, un edificio barocco che costituisce la più antica delle quattro serre costruite nel complesso di edifici della residenza. Attraversiamo poi i Kronprinzengarten, i giardini del principe ereditario, un piccolo giardino in stile barocco con una bellissima terrazza dalla quale si gode di un panorama sulla città e sui giardini stessi. Da qui prendiamo il viale che porta alla fontana delle Naiadi e sulla sinistra troviamo la “fonte bella” (Schöner Brunnen) che caratterizza il parco e ha regalato il nome all’intero complesso, ricoverata in un palazzo a forma di tempio. Nei dintorni si trovano le rovine romane, un giardino voluto appositamente in quello stile da Maria Teresa, secondo la moda dell’epoca. Vediamo poi l’imponente struttura dell’Obeliskbrunnen, la fonte dell’obelisco, situata proprio ai piedi della collina che lambisce il parco, con i geroglifici scolpiti senza alcun significato, essendo antecedenti alla scoperta della Stele di Rosetta. Da qui, un sentiero sale al belvedere delle Gloriette, nel mezzo del parco: dalla terrazza sul tetto si gode una vista ineguagliabile sul palazzo e sulla città. Terminiamo la nostra camminata raggiungendo la Palmenhus, la serra di palme più grande d’Europa, che vede protagonista il contrasto tra le linee della struttura protettiva di ferro e vetro, e la vegetazione costituita da moltissime specie tropicali provenienti da tutto il mondo. Un vero e proprio pezzo di giungla che cresce in modo strabiliante nel bel mezzo dell’Europa.

photos and videos